I racconti dai concerti di Jovanotti

le emozioni del pubblico di Lorenzo Cherubini

Sara C da Bologna

Come si fa a far capire a qualcuno che non l’ha mai provata cosa ti lascia la scarica di adrenalina nei giorni dopo il concerto? Quell’emozione a metà tra la felicità e la nostalgia? Non si spiega, si cerca solo di viverla. Ciò che mi piace di più dei tuoi concerti è il senso di appartenenza a qualcosa di più grande, quel qualcosa che si sprigiona quando Lorenzo dice di scatenare il disordine e tu inizi ad urlare perché non capisci più niente. C’è questa euforia che ti pervade e ti fa piangere, ballare e ridere nello stesso momento. E quando alla fine finisce ed è troppo presto, perché è sempre troppo presto quando finisce, urli “ancora, ancora, ancora” Come i bambini che i genitori fanno volare in aria e che appena mettono giù vogliono ricominciare da capo, è così che ci si sente. Lorenzo ti fa volare, ti fa sentire vivo e ti fa RESPIRARE QUESTA LIBERTA’

ClaudiaSara C da Bologna
[easy-share buttons="facebook,twitter,google" counters=1 counter_pos="right" native="no" hide_total="yes"]